NEWS
Comunicato Stampa
Giovedý 02 novembre 2017

Dopo il dibattito che è scaturito dalla Direzione di martedì sera, la terza dopo la celebrazione del congresso dello scorso 21 luglio, il Partito dei Socialisti e dei Democratici conferma le linee suggellate con la mozione finale dell’assise congressuale, uscendo dall’incontro coeso e pronto in tutti i suoi organismi, per affrontare con grande impegno le sfide che lo attenderanno in questa ultima parte dell’anno.

La Direzione è stata aperta della relazione del Segretario Nicola Ciavatta sugli incontri politici avvenuti nell’ultimo periodo con tutti i partiti e movimenti sammarinesi, in cui si sono registrati, seppur con una distinta gradualità, apprezzamenti a 360° verso il PSD per come sia stato capace a rinnovarsi e a ripartire dopo una fase della sua storia nella quale in meno di un anno ha vissuto una scissione -prima- e successivamente una sconfitta elettorale. Ha suscitato inoltre un compiacimento generale la Proposta di Legge sugli Sprechi Alimentari, elaborata all’interno del PSD e presentata proprio in questa occasione alle forze politiche, testo che il Partito ha già depositato per l’iter istituzionale e si augura venga accolto -come è avvenuto in Italia- in maniera unanime dal Consiglio Grande e Generale.

Dagli incontri è emersa la volontà di continuare a dialogare con tutti al fine di trovare - in questo momento di estrema difficoltà per il Paese- delle proposte politiche per risollevare San Marino dalle secche di una crisi della quale ancora non si vede la fine, per il mantenimento del welfare e dello stato sociale, in particolar modo con realtà molto vicine per storia e valori al PSD, come Partito Socialista e Movimento Democratico San Marino Insieme i quali –data anche la contingenza che ci vede come forze di opposizione-  hanno manifestato un’apertura al confronto immediato sulle tematiche di attualità politica, passando poi da Civico 10 e Sinistra Socialista Democratica, in linea con la mission del Partito e al fine di “sviluppare il dialogo tra le culture riformiste come questione di identità e necessità per l’evoluzione del Paese”.

Infine, la totalità dei membri di direzione intervenuta al dibattito, ha accolto in maniera favorevole l’impegno dei gruppi di progetto che in queste settimane stanno lavorando alacremente al fine di elaborare e sviluppare una proposta per un nuovo modello di Paese, soprattutto per quel che ne riguarda l’economia e la collocazione Internazionale.

San Marino, 2 novembre 2017                                                                                                      L’Ufficio Stampa

CONDIVIDI:
© Copyright 2012 - Partito dei Socialisti e dei Democratici