NEWS
Credere in noi, abbiamo i fatti dalla nostra parte
Giovedý 10 novembre 2016

Campagna elettorale al 'giro di boa': il Partito dei Socialisti e Democratici di San Marino fa il punto della situazione ricordando che le più importanti riforme degli ultimi anni sono state frutto della politica PSD.  'Grazie a noi il Paese è fuori dalle Black List. Ora San Marino ha bisogno più che mai continuità e di capacità governative: noi le possiamo dare'. La prossima settimana Louis Ayala sul Titano.


'Abbiamo scelto Credi in noi come claim per la nostra campagna elettorale. Non è solo uno slogan: diciamo Credi in noi perché siamo forti delle cose fatte'. Così Iro Belluzzi, candidato PSD e Segretario di Stato al Lavoro, ha sintetizzato il pensiero dell'incontro del partito con la stampa. A meno di 10 giorni al voto del 20 novembre, il Partito dei Socialisti e Democratici di San Marino ha fatto il punto su proposte, programmi e prossimi eventi che caratterizzeranno il percorso del partito prima della chiamata alle urne. Soprattutto, ha espresso le sue considerazioni sugli asset importanti che può mettere in campo per la crescita del Paese. Ad aprire la conferenza stampa di questa mattina (giovedì 10 novembre, ndr) Daniela Berti, che ha sottolineato la necessità di maggiore apertura del Paese. 'Quando diciamo che questo Paese deve aprirsi - ha detto Berti - occorre che il Paese comprenda che non si viene a perdere niente aprendosi verso l'esterno. Al contrario, è questa l'unica strada per portare San Marino in coerenti percorsi di crescita. In questi anni, partendo da zero, è con il lavoro del Psd che si è riusciti a portare il Paese dalla Black alla Withe list". Iro Belluzzi ha quindi posto l'attenzione sul tema dello sviluppo e del lavoro: 'Il Paese negli ultimi anni è stato messo nelle condizioni di competere con l'esterno grazie a riforme promosse dal PSD - ha ribadito - se oggi siamo nelle condizioni di parlare di apertura verso l'esterno è perché queste condizioni le abbiamo poste in essere noi.

Abbiamo il portato dell'accordo di Cooperazione con l'Italia e abbiamo recentemente dato vita al Patto per San Marino-Rimini, un accordo di collaborazione con i nostri vicini per sviluppare progettualità comuni. Siamo convinti che la nostra Repubblica rappresenti un valore aggiunto per i territorio vicini. Inoltre, i dati sull'occupazione, su cui abbiamo lavorato, ci danno ragione: dal 2015 ad oggi - nonostante settori strategici come l'edilizia e la finanza in forte crisi - abbiamo recuperato ben 401 posti di lavoro. Non sono pochi considerando le criticità dello scenario. Il Sistema Paese si è sviluppato in modo competitivo ed è frutto delle politiche svolte, degli accordi internazionali intrapresi. Ora, la necessità primaria per San Marino è che non vengano stoppati o arenati quei procedimenti di legge che abbiamo avviato, come la Riforma del Lavoro, e che avremmo concluso se la legislatura fosse giunta al suo termine fisiologico, portando ad un quadro normativo chiaro. Il Paese non può perdere neanche un minuto dietro a chi deve rifasarsi su cose che non conosce. Noi del PSD e della coalizione San Marino Prima di tutto possiamo essere operativi fin dal 21 novembre, in modo coeso su un modello economico condiviso'.

Continuità la parola chiave anche per Andrea Belluzzi: 'Il PSD non ha perso la sua visione identitaria in un momento in cui tutti fanno slogan. Vogliamo dare continuità a quanto fatto e a quanto possiamo ancora fare'. Nicola Ciavatta ha quindi concluso l'incontro soffermandosi sul tema dei giovani e del futuro. 'occorre avere professionisti formati e consapevoli, puntando su percorsi culturali e di formazione ad hoc. L'impegno sul lavoro non può prescindere da questo'. Già confermata intanto la presenza, per il prossimo 17 novembre, del Presidente dell’Internazionale socialista Louis Ayala, che insieme al vicesegretario del PD Debora Serracchiani aveva già dato il suo endorsement al PSD in occasione della presentazione della lista, due settimane fa. Giovedì 17 novembre, alle ore 21.00, verrà personalmente in Repubblica per chiudere la campagna elettorale del PSD e sigillare l’appartenenza del partito alla grande famiglia socialista europea e la comunanza di intenti tra le grandi forze politiche che si riconoscono nell’alveo riformista.

 

Repubblica di San Marino, 10 novembre 2016

CONDIVIDI:
© Copyright 2012 - Partito dei Socialisti e dei Democratici