NEWS
OLIMPIADI PER LA PACE!
Lunedý 08 agosto 2016

Non hanno una nazione libera e pacifica alle spalle. Non hanno un comitato olimpico che li sostenga. A loro ha pensato il Comitato Internazionale Olimpico, il CIO. Li ha posti sotto la protezione sportiva della bandiera bianca con i cinque cerchi olimpici e li ha fatti adottare dal mondo dello sport mondiale.

Sono i dieci atleti (quattro donne, sei uomini) che hanno calamitato l’attenzione del Maracanà: una ovazione al loro ingresso.

Sono stati subito riconosciuti dalla folla di appassionati sugli spalti come propri rappresentanti. Tutti dieci con una storia drammatica alle spalle, fatta di tragedie, di drammatiche fughe, di viaggi della speranza da far rabbrividire.

Uno su tutte. Portabandiera è stata la nuotatrice Yusra Mardini: 18enne, siriana, profuga a Lesbo, ha salvato decine di persone spingendo a nuoto con la sorella fino a riva il gommone con cui è fuggita dalla feroce guerra in atto nel suo paese.

Quella dei rifugiati è diventata immediatamente la squadra che beneficia del tifo di Papa Francesco, il quale ha inviato loro un messaggio: “…  Che il coraggio e la forza che portate dentro possano esprimere attraverso i Giochi olimpici, un grido di fratellanza e di Pace.... Che, tramite voi tutti l'umanità comprenda che la Pace è possibile, che con la Pace tutto si può guadagnare; invece con la guerra tutto si può perdere”.

Un auspicio che vorremmo partisse forte e chiaro anche da San Marino. dalla nostra Repubblica che ha da sempre difeso ed accolto popolazioni vittime dell’assurdità della guerra (gli sfollati del circondario) o rifugiati politici (uno su tutti Giuseppe Garibaldi e le sue camice rosse) o i perseguitati religiosi (ebrei).

Si potrebbe compilare un lungo elenco delle persone che i sammarinesi hanno accolto, difeso e rifocillato, spesso privandosi loro del necessario.

Tutto ciò senza mai chiedersi se sarebbero stati ricompensati, o dei rischi che avrebbero corso se i potentati del momento non avessero gradito.

Ha sempre vinto la forza della comunità e della solidarietà verso il prossimo, l’assecondare quanto il cuore (e non la pancia..) loro suggeriva.

Un cuore che anche in questa stagione i sammarinesi possono rinnovare manifestando la loro condivisione con le decisioni prese dal CIO.

A margine di Rio 2016 una scena, rilanciata dalla Rai durante le qualificazioni della ginnastica artistica cui ho assistito. Un fotografo ha chiesto a due ginnaste, con postazioni prossime l’una all’altra, di mettersi in posa stringendosi la mano. Le due ragazze non ci hanno pensato su neppure un istante, si sono avvicinate l’una all’altra e si sono messe in posa. Erano entrambe coreane: una del Sud, l’altra del Nord.

Rio e le Olimpiadi devono essere seguite con attenzione per queste prove di fratellanza, non solo per le classifiche sportive.

 

Marina Lazzarini                                                                                                San Marino, 8 agosto 2016

CONDIVIDI:
© Copyright 2012 - Partito dei Socialisti e dei Democratici