NEWS
Comunicato Stampa
Venerdý 03 giugno 2016

L’approvazione della legge 72/2008 “Promozione ed incentivazione dell’efficienza energetica degli edifici e dell’impiego di energie rinnovabili in ambito civile e industriale” è stato l’ultimo atto del governo formato da PSD, SU e AP,  per un riordino della normativa tesa al risparmio energetico sia nell’ambito delle costruzioni che delle imprese.

Un traguardo che mirava ad affrancare San Marino  dalla dipendenza dai combustibili fossili non rinnovabili ed il conseguente miglioramento delle condizioni ambientali del nostro Territorio.

La Legge 72/2008 è servita pure ad accrescere la coscienza ambientalista dei sammarinesi e nello stesso tempo a una maggiore indipendenza energetica della Repubblica.

Tutte tesi in questi giorni di grande attualità , che fanno tornare alla mente quanto nel Congresso di fine settembre 2013 il Partito dei Socialisti e dei Democratici decise, con un ODG approvato all’unanimità, di mettere in campo tutte le azioni possibili per orientare la politica economica sammarinese verso uno sviluppo sostenibile e duraturo. 

Tra queste il PSD evidenziò la necessità di sostenere innovazione e riconversione ‘green’ in ogni settore soprattutto con il favorire la nascita di imprese produttrici di nuovi servizi ecocompatibili.

Il PSD, tra le priorità indicò apertamente che tali innovazioni energetiche dovessero diventare volano per un rinnovamento generale, teso a far risparmiare risorse oltre a poter trasformarsi anche in percorsi utili ad una crescita occupazionale.

In Repubblica tante famiglie hanno risposto positivamente alla legge del 2008 e ai successivi Decreti incentivi con l’installazione sui tetti delle case e dei capannoni di impianti fotovoltaici, tanto che oggi San Marino, in proporzione alla grandezza del Territorio, è il 4° paese al mondo per produzione di energia da rinnovabili.

Iniziative che devono sempre aver ben presente un punto irrinunciabile: lasciare ai nostri figli un ambiente salutare e migliore di quello che abbiamo ricevuto.

 

L’Ufficio stampa                                                                    San Marino, 3 giugno 2016

CONDIVIDI:
© Copyright 2012 - Partito dei Socialisti e dei Democratici