NEWS
COMUNICATO STAMPA
Mercoledý 30 marzo 2016

Il PSD esprime soddisfazione per l’approvazione in Commissione Finanze del Progetto di Legge sulla Rappresentatività Sindacale.

Il Progetto di Legge è il frutto di due anni di attività della Segreteria di Stato per il Lavoro e giunge all’esito di quasi un anno solare di confronto con le diverse sigle sindacali, nonché di incontri e dibattiti svolti in sede internazionale presso l’Organizzazione deputata alla tutela delle libertà sindacali (Organizzazione Internazionale del Lavoro).

Il Progetto di Legge, dunque, è stato giudicato dall’OIL pienamente coerente con tutte le Convenzioni internazionali ratificate dalla Repubblica, è passato al vaglio della Commissione Finanze (articolo per articolo) e passerà, infine, al dibattito Consiliare.

Uno Stato che voglia essere attrattivo verso imprenditori esterni deve avere regole chiare e la legge sulla rappresentatività fa proprio questo: regole chiare per comprendere chi si rappresenta e dà mandato alla sottoscrizione dei contratti di settore erga omnes a quelle sigle che rappresentano la maggioranza dei lavoratori o che sono chiamati ad applicare il contratto più volte.

Il progetto di legge fissa regole generali, né pro né contro qualcuno; regole chiare e certe (analitiche) perché non si possono alimentare per il futuro incertezze, dubbi, incomprensioni, né ripetere quanto avvenuto negli anni passati nelle aule giudiziarie.

Questo Progetto di legge si rende necessario per una corretta gestione delle relazioni industriali, anche alla luce dei primi dati di ripresa post crisi 2008 e, più generalmente, per il bene del Paese.

Su una cosa siamo d’accordo con gli autori delle aspre critiche lette nei giorni scorsi: ogni Consigliere sarà chiamato alla responsabilità al tempo del voto, ma francamente affermarlo ci pare scontato, la democrazia rappresentativa è proprio questo. Ognuno si assumerà la propria responsabilità e noi lo abbiamo sempre fatto!

L’Ufficio Stampa del PSD, 30 marzo 2016

CONDIVIDI:
© Copyright 2012 - Partito dei Socialisti e dei Democratici