NEWS
TRASPARENZA
Mercoledý 30 settembre 2015

Sul tema della trasparenza si gioca oggi una buona parte della credibilità del sistema San Marino, in un’ottica di discontinuità con il passato. Negli ultimi anni in quasi tutti i settori, dall’economia all’amministrazione, sono stati fatti enormi passi avanti, grazie all’impegno del Governo e al contributo di tutte le forze politiche, ma questo non deve indurci ad abbassare l’attenzione.

Proprio in questi giorni, grazie al lavoro intrapreso dal PSD con il tavolo riformista, su sollecitazione del movimento Civico10 e in sinergia con il Governo e alcuni suoi funzionari, un altro piccolo passo è stato compiuto: sono state infatti apportate modifiche sostanziali al regolamento che prevede la richiesta di autocertificazione per i beneficiari effettivi delle società che dallo Stato ottengono benefici di qualsiasi natura (fiscali, contributivi, a fondo perduto ecc) o vincono appalti pubblici.
Nello specifico si è fatta chiarezza su chi controlla la presenza e la veridicità della dichiarazione di trasparenza, sulle sanzioni (di carattere penale in caso di falsa dichiarazione), si è eliminata l’esclusione prevista per le società con più di venti soci e ridotto il limite minimo degli appalti al di sopra del quale è previsto l’obbligo di effettuare i controlli.

Nella prossima seduta del Congresso di Stato si darà attuazione, quindi, ad un regolamento che rende conoscibili i veri beneficiari delle imprese che percepiscono soldi dallo Stato, anche sotto forma di appalti pubblici, attraverso controlli incrociati svolti da uffici competenti, Camera di Commercio e Banca Centrale.

Importante sarà poi mantenere alta l’attenzione affinché questa norma venga applicata con rigore, ma il lavoro svolto è sicuramente un aspetto positivo che ci teniamo ad evidenziare.


San Marino, 30 settembre 2015

 

 

L’Ufficio Stampa del PSD

 

CONDIVIDI:
© Copyright 2012 - Partito dei Socialisti e dei Democratici